giovedì 11 aprile – h 19.30>23.30 + h 00.00*
venerdì 12 aprile – h 19.30>23.30 + h 00.00*
sabato 13 aprile – h 19.30>23.30 + h 00.00*


Palazzo Pezzoli

Simon Vincenzi (UK)

From The Dead Air Orgy: The Song of Silenus

live stream, live installation e performance, produzione Xing/Live Arts Week, prima assoluta

From The Dead Air Orgy: The Song of Silenus, la nuova opera di Simon Vincenzi commissionata da Live Arts Week, ci introduce per tre giorni in un percorso oscuro che attraversa cosmologia e perversità, luce ed ombra, oblio e inizio del tempo. The Three, i protagonisti e artefici di questo micro-universo, reimmaginano l’Egloga VI di Virgilio nello scenario offerto da un vecchio palazzo, di cui abita le stanze nascoste sopra un negozio specializzato di enologia e processi di vinificazione. From The Dead Air Orgy: The Song of Silenus si sviluppa nel corso di tre notti, procedendo in uno spazio indefinito che diventa la camera d’eco del poema virgiliano e l’alone di cosmologia erotica che lo circonda. Le dieci composizioni di Virgilio furono scritte tra il 42 e il 39 a.C. come raccolta di poesie pastorali accomunate dalla scelta di esprimere con voci poetiche molto distinte, per stile e struttura, altrettanti fatti politici del tempo. L’Egloga VI narra la storia di due satiri e di una Naiade che trovano Sileno, insegnante e compagno di Dioniso, svenuto ubriaco in una grotta dell’Arcadia. Una volta legato, cercano di convincerlo a cantare una canzone. Sileno inizia allora un canto che rivela loro l’inizio della creazione, introducendoli poi in un paesaggio mitico animato da disastri, passioni e continue trasformazioni.

From The Dead Air Orgy: The Song of Silenus si presenta attraverso tre piani paralleli: un’azione che si evolve lungo l’arco dei tre giorni dal pomeriggio alla sera; una performance che si ripete per tre notti alle ore 24.00; un canale di streaming trasmesso on line e all’interno dell’edificio (ispirato al termine radiotelevisivo ‘dead air’, quando -In attesa che il segnale sia ripristinato- si trasmettono immagini fisse o uno schermo vuoto seguiti da un messaggio di scusa). Tre lavori distinti che scorrono in parallelo, sviluppandosi con diverse relazioni al medesimo piano narrativo e spazio- tempo.

* il lavoro dal vivo è diviso in una live installation visitabile dalle h 19.30 alle h 23.30 e una azione notturna alle ore 00.00. Si consiglia di seguire entrambe le fasi. Vale lo stesso biglietto.

Simon Vincenzi è regista teatrale, coreografo e designer basato Londra. Con la compagnia Bock & Vincenzi ha presentato invisible dances… from afar: A show that will never be shown (2003), opera realizzata per essere fruita unicamente al telefono, e The Invisible Dances (2004-2006), opera teatrale in tre atti presentata per tre anni consecutivi al Royal Opera House Clore Theatre, alla Biennale di Venezia, al Nott Dance International Festival, al Kunstenfestivaldesarts e al Laban Theatre di Londra. In seguito ha dato vita al progetto quinquennale Operation Infinity, coinvolgendo la compagnia teatrale Troupe Mabuse. Questo complesso lavoro interdisciplinare costituito da performance, installazioni e video include The Infinite Pleasures of The Great Unknown; Club Extinction; Luxuriant: In The Reign Of Anticipation e King Real Against The Guidelines. La documentazione dal vivo di questo progetto è ancora in vita sotto il nome di A Fugue State of Theatre Hosted On The Internet on-line su www.operationinfinity.org. Il lavoro di Vincenzi indaga le interfacce tra teatro, movimento e linguaggio visivo per spingere oltre le aspettative. Attraverso l’esplorazione di memoria e oblio, coscienza e la dissociazione del sè, tutte manifestazioni che spesso agiscono nell’inconscio, Vincenzi accompagna lo spettatore in un paesaggio incerto e sconosciuto.

simonvincenzi.com

Will Saunders è compositore e sound designer inglese. Ha studiato Sonic Arts alla Middlesex University di Londra completando il dottorato alla Westminster University. Il suo lavoro è contraddistinto da un approccio collaborativo che lo ha portato a sviluppare progetti con molte personalità della ricerca contemporanea tra cui Simon Vincenzi, Lea Anderson, Steve Blake, Dickie Beau, Hans Diernberger, Anna Homler, Lucia King, LampingHuppSaunders e Sarah Kenchington. I suoi lavori sono stati presentati tra l’altro a: Southbank Centre, Londra, Centre for Contemporary Art, Glasgow, Fuhrwerkswaage Kunstraum, Colonia, Centro em Movimento, Lisbona, Barbican Centre, Londra, Alter Feuerwache, Colonia, Sadler’s Wells Theatre, Londra, IBT International Festival, Bristol, Festival of Women, Lubiana, Slovenia. L’installazione LANYC di Hans Diernberger e Saunders è stata selezionata per il Marl International Media Art Awards del 2016. Con Diernberger, Will Saunders ha partecipato a diverse residenze tra cui Villa Aurora, Los Angeles e Goethe Institut, Salvador, Brasile.

juxt.co.uk

Kath Duggan, regista teatrale e performer inglese, si è formata alla Northern School of Contemporary Dance. Assieme a Simon Vincenzi ha lavorato a King Real against the Guidelines, Luxuriant, The Infinite Pleasures of the Great Unknown and Opening Night and Opening Night. E’ stata interprete, con ruoli e funzioni diverse, in: The Drowned Man: A Hollywood Fable, The Duchess of Malfi; Masque of The Red Death (Punchdrunk); Motorshow (Requardt e Rosenberg); The Damnation of Faust (Terry Gilliam, English National Opera); Remote/The Forest (Sarah Dowling, Royal Opera House); Pictures from an Exhibition (Young Vic/Sadler’s Wells di Kramer e Requardt); Russian Roulette, Yippeee!!! (The Cholmondeleys); Lullaby/Park (Jasmin Vardimon), Jane Eyre (Teatro di Perth). Ha diretto e interpretato US THEN assieme a Sarah Dowling.

kathduggan.com


ideazione, spazio e coreografia Simon Vincenzi
performer Kath Duggan
suono Will Saunders
produzione Xing/Live Arts Week