giovedi 19 aprile – opening h 20.00
venerdi 20, sabato 21 aprile h 12.00>1.00

Padiglione Esprit Nouveau

Goodiepal & Pals (DK)

The crypt of the fading composer

living museum, produzione Xing/Live Arts Week

Per The crypt of the fading composer Goodiepal & Pals abiteranno temporaneamente il Padiglione Esprit Nouveau di Le Corbusier, istituendo un museo vivente, una cripta magica che ospita la collezione di visual & sound art di Goodiepal, custodita sino a oggi al SMK -la galleria nazionale della Danimarca di Copenhagen- e trasportata a Bologna per tre giorni. Questa collezione prende vita come una nuova rivelazione, con cui GP & PLS svelano trucchi e segreti della sound art più esoterica tra concerti live e altre azioni quotidiane. Autodidatta ed eccentrico, Goodiepal è un’intelligenza alternativa e una delle figure che hanno sotterraneamente infestato il mondo della musica underground europea degli ultimi anni. Artista e teorico, hacker, uomo del Rinascimento e futurista, filantropo e drop-out, attivista e collezionista, lavora ai margini della società. Autoproclamatosi ‘L’uomo per il nuovo millennio’, è un master-trickster che esplora i confini delle regole sociali. Nel 2016 fonda i Goodiepal & Pals, che è un gruppo ma anche un’organizzazione per rifugiati travestita da Contemporary-Tek-Rock-Band, che lo accompagnerà in questa nuova residenza dopo un prolungato accampamento nei check-point sui confini della Serbia.

Goodiepal è compositore, performer e artista danese nato nelle isole Faroe. Attivo dall’età di 19 anni, prolifico e irrequieto, negli anni 2000 si è fatto conoscere per le sue escursioni radicali nella tecnologia digitale e nei media. E’ stato professore al DIEM Danish Institute for Electroacoustic Music e alla Royal Academy of Music di Aarhus in Danimarca sino al 2008, quando ha dichiarato una sua guerra intellettuale contro la stupidità nella musica elettronica e nell’arte mediale accademica. Goodiepal crede che la musica non debba essere fatta con i computer ma per i computer e lo ha dimostrato in una serie di memorabili e incompresi dischi tra cui Brand Archive, pubblicazione per cui è stato perseguito da Nokia e Carlsberg. Ha pubblicato per la Spoof Records V/Vm Records, SKI-PP, Fonal, Mego, anche se le uscite più importanti rimangono quelle autoprodotte. Qual è l’equazione di Goodiepal? Ha percorso migliaia di chilometri su una bicicletta auto costruita e usata per alimentare elettricamente i suoi spettacoli, ha depositato in un museo tutti i suoi beni materiali… L’esistenzialismo di Goodiepal è una fuga sempre più radicale di allontanamento dai codici e dalle reti di sicurezza sociale. Goodiepal ci sfida a riflettere sulla nostra visione del mondo. Nel 2016, stanco di girare da solo, ha fondato la band Goodiepals & Pals, con un percorso che lo sta portando progressivamente a dissolvere la propria identità in una nuova entità collettiva.